splash

Posted By grim on aprile 27th, 2010

La Fionda è il Blog di tutti, e proprio per questo tutti, ma proprio tutti, sono invitati a esprimere le proprie opinioni! Registrati al blog, bastano un nickname e una password, senza nessun dato personale!

Manda il tuo articolo all’indirizzo [email protected]

In alternativa, lascia un commento sul nostro Guestbook, o al termine di un Post!

Un blog senza partecipanti, non ha ragione di esistere, dunque vi invitiamo calorosamente a leggere e a scrivere sulla Fionda!

Il team della Fionda

—–OGNI LUNEDI’ ALLE 14 LA FIONDA TRASMETTE IN DIRETTA L’INTERVENTO DI MARCO TRAVAGLIO PER PASSAPAROLA. VEDI CANALE USTREAM NELLA BARRA LATERALE DEL BLOG—–

——– INVIA SMS GRATIS DALLA FIONDA! TROVI IL BOX D’INVIO IN FONDO ALLA PAGINA SULLA DESTRA ——–

 

Archive for maggio 31st, 2010

Ultim’ora; vergognoso assalto israeliano alle navi della pace

Posted By Tom on maggio 31st, 2010

Ultim’ora – Stamattina all’alba la marina militare israeliana ha assaltato la Freedom Flottilla, le navi cariche di aiuti umanitari destinati alla popolazione palestinese di Gaza, guidate dagli attivisti filo-palestinesi. Il bilancio del bagno di sangue perpetrato dai soldati israeliani ammonta, per ora, a dieci morti e ventisei feriti. Il convoglio era partito ieri dalle acque internazionali a largo di Cipro e intendeva sfidare, issata la bandiera bianca, il blocco israeliano di Gaza e le ammonizioni di Israele, per portare cibo, sedie a rotelle, medicinali e sollievo alla martoriata popolazione della striscia di Gaza.

Il primo ministro di Israele, Benjamin Netanyahu , ha espresso il rammarico per le vittime e ha dichiarato che non voleva lo scontro: “Abbiamo offerto più volte di portare le navi nel porto di Ashdod e abbiamo garantito che da lì il carico umanitario sarebbe stato trasferito alla popolazione di Gaza”. Il Governo di Netanyahu sostiene però l’assalto del suo esercito, i cui uomini, al momento della presa di comando delle navi pacifiste, sarebbero stati attaccati da uomini armati di pistole e coltelli.

Sdegno e sgomento hanno, invece, unito le voci della comunità internazionale. I rapporti diplomatici tra Israele e Turchia, che denuncia “terrorismo di Stato da Israele” e che ha subito la maggior perdita di connazionali (si parla di 15 turchi tra i deceduti, tra cui forse anche un parlamentare), sembrano aver raggiunto il punto di non ritorno e il premier Erdogan ha, così, convocato l’ambasciatore israeliano ad Ankara al ministero degli Esteri. L’Unione europea, così come le singole nazioni europee, hanno chiesto l’apertura di un’inchiesta. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite terrà oggi una riunione di emergenza, su richiesta della Turchia, su quanto accaduto e lo stesso, su richiesta della Siria, farà la Lega Araba. E anche i rapporti tra Israele e gli USA di Obama, che già in passato aveva messo in discussione la incondizionata alleanza con Israele, non sono mai stati così freddi.

Video dell’assalto

P&L
Tom