Facebook

A Francesco CodadiLupo piace

La fionda d'urtoLa fionda d'urto
Crea il tuo badge "Mi piace"
L’Aquila protesta contro la censura dei TG – di Peter Parisius | La fionda d'urto
splash

Posted By grim on aprile 27th, 2010

La Fionda è il Blog di tutti, e proprio per questo tutti, ma proprio tutti, sono invitati a esprimere le proprie opinioni! Registrati al blog, bastano un nickname e una password, senza nessun dato personale!

Manda il tuo articolo all’indirizzo lafiondadurto@live.it

In alternativa, lascia un commento sul nostro Guestbook, o al termine di un Post!

Un blog senza partecipanti, non ha ragione di esistere, dunque vi invitiamo calorosamente a leggere e a scrivere sulla Fionda!

Il team della Fionda

—–OGNI LUNEDI’ ALLE 14 LA FIONDA TRASMETTE IN DIRETTA L’INTERVENTO DI MARCO TRAVAGLIO PER PASSAPAROLA. VEDI CANALE USTREAM NELLA BARRA LATERALE DEL BLOG—–

——– INVIA SMS GRATIS DALLA FIONDA! TROVI IL BOX D’INVIO IN FONDO ALLA PAGINA SULLA DESTRA ——–

 

L’Aquila protesta contro la censura dei TG – di Peter Parisius

Posted By fred on giugno 21st, 2010

La popolazione aquilana arrabbiata perché i telegiornali hanno taciuto sulla più imponente manifestazione di protesta che si sia mai svolta nella loro città.

Se avete altre MAILING LIST dove mandare il messaggio, fatelo girare il più possibile!

Testo da copiare:

L’Aquila 17 giugno 2010 – comunicato degli abruzzesi in protesta:

DOPO CHE PER MESI A L’AQUILA I MEDIA HANNO ROVISTATO NELLE NOSTRE CASE E NELLE NOSTRE VITE IN MANIERA INVASIVA E IPOCRITA,
DOPO CHE TUTTE LE PARATE DEL GOVERNO SUL NOSTRO TERRITORIO SONO RIMBALZATE SUGLI SCHERMI DI TUTTA ITALIA,
DOPO CHE PER PIU’ DI UN ANNO SI E’ COSTRUITA UN’ENORME BUGIA MEDIATICA FATTA DI SCENOGRAFIE E REPRESSIONI,
IERI, VOI SERVI DEL POTERE DEL COSIDDETTO SERVIZIO PUBBLICO (OLTRE AI SERVI PRIVATI), SIETE RIUSCITI A NON DIRE NULLA (A PARTE TG3 E LA7) DELLA PIU’ GRANDE MANIFESTAZIONE DELLA STORIA DELLA NOSTRA CITTA’.
PIU’ DI 20.000 TRA CITTADINI, FORZE SOCIALI E ISTITUZIONI, HANNO ATTRAVERSATO LA CITTA’ E HANNO INVASO L’AUTOSTRADA BLOCCANDOLA PER PIU’ DI UN’ORA.
ERA NOTIZIA DI APERTURA E INVECE AVETE AVUTO IL CORAGGIO DI NON PARLARNE PER NIENTE.

DOPO AVER USATO LA NOSTRA CITTA’ COME SPOT, ORA CHE LE BUGIE VENGONO A GALLA, NON POTETE FARE ALTRO CHE NASCONDERLA.
MA NON DURERA’, PREPARATEVI PERCHE’ PRESTO CI VEDRETE A ROMA, IN MASSA, A BLOCCARE LA CAPITALE E AD ASSEDIARE IL PARLAMENTO E PALAZZO CHIGI PER PRETENDERE GIUSTIZIA, EQUITA’ E VERITA’.

Intanto, Maria Luisa Busi conferma attraverso Vanity Fair: “Il Tg1 di Minzolini non racconta il Paese”

Vanity Fair dedica la copertina del suo nuovo numero a Maria Luisa Busi, la celebre annunciatrice del TG1 che un mese fa ha deciso di dare le dimissioni per protesta contro l’ignoramus! nei confronti dei problemi del Paese, un diktat del nuovo direttore Augusto Minzolini.

La Busi dice tra l’altro nell’intervista che le sue perplessità erano iniziate con l’editoriale sulla vicenda D’Addario, seguito dalla notizia scorretta su Mills; ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso sono stati il servizio realizzato a L’Aquila e la presa in giro del Trio Medusa sulle famose “notizie leggere. –>http://www.youtube.com/watch?v=_aSrbKGJC8Q&feature=player_embedded

“Mi fa vergognare come un’assassina. Non mi era mai successo nulla di simile a quello che mi è capitato a L’Aquila, in febbraio. Sono stata insultata al grido di ‘vergogna, vergogna’, da normali e pacifici cittadini, perché ero lì a rappresentare il TG1. Lì ho capito che la misura era colma“.

Per ora comunque la Busi ha deciso di restare in RAI con la qualifica di inviato per proporre servizi speciali, anche se pure in questa veste i problemi non mancano: “Va detto che la maggior parte delle mie proposte, da settembre a oggi, sono state ignorate. Niente da fare per servizi sulla crisi, sui precari della scuola, su Termini Imerese, sul Sulcis, sulle donne costrette ad andare all’estero per fare la fecondazione assistita… Mi hanno bocciato anche una storia, con una testimonianza fortissima, sull’eutanasia. Prenderei in considerazione altre offerte, si capisce. Ma credo che cercherò di fare altro” ha concluso la giornalista.

Tags: , , , ,

Similar Posts

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

La fionda d'urto

Promuovi anche tu la tua pagina