splash

Posted By grim on aprile 27th, 2010

La Fionda è il Blog di tutti, e proprio per questo tutti, ma proprio tutti, sono invitati a esprimere le proprie opinioni! Registrati al blog, bastano un nickname e una password, senza nessun dato personale!

Manda il tuo articolo all’indirizzo [email protected]

In alternativa, lascia un commento sul nostro Guestbook, o al termine di un Post!

Un blog senza partecipanti, non ha ragione di esistere, dunque vi invitiamo calorosamente a leggere e a scrivere sulla Fionda!

Il team della Fionda

—–OGNI LUNEDI’ ALLE 14 LA FIONDA TRASMETTE IN DIRETTA L’INTERVENTO DI MARCO TRAVAGLIO PER PASSAPAROLA. VEDI CANALE USTREAM NELLA BARRA LATERALE DEL BLOG—–

——– INVIA SMS GRATIS DALLA FIONDA! TROVI IL BOX D’INVIO IN FONDO ALLA PAGINA SULLA DESTRA ——–

 

Archive for luglio 14th, 2010

Antologia; Due anni dopo – L’albero e io

Posted By Tom on luglio 14th, 2010

Nel percorso poetico di Francesco Guccini una delle tematiche affrontate è la morte. Come l’amore (Vedi cara) e il tempo, la morte rappresenta per Francesco un anelito, che lo porta a quella riflessione intima e personale e che lo accompagnerà per tutta la sua carriera discografica. L’albero ed io tutt’oggi è la canzone che meglio esprime tale anelito, riuscendo a suscitare quelle profonde emozioni e riflessioni che tanto avvicinano l’animo dell’ascoltatore a una tematica, come la morte, così oscura e così inesorabile.

Nella prima strofa Francesco spiega subito quale tomba ospiterà il suo corpo: non la lapide (non voglio pietra su questo mio corpo), ma il fertile terreno di un albero.

Quando il mio ultimo giorno verrà dopo il mio ultimo sguardo sul mondo,
non voglio pietra su questo mio corpo, perché pesante mi sembrerà.
Cercate un albero giovane e forte, quello sarà il posto mio

Il cantautore vede nella lapide una pesantezza insopportabile, che nemmeno dopo la morte potrebbe tollerare (perché pesante mi sembrerà). Francesco si distacca così dalla cupe ritualità di un cimitero, contrapponendovi la ricerca di giovinezza e forza e di una spinta vitale (un albero giovane e forte), che accompagni il suo corpo senza vita. Ma l’elemento più significativo che chiude la prima strofa sta proprio nel ritorno dopo la morte sotto quel cielo aperto cui l’albero tende e che rende ancora più pesante la pietra:

Voglio tornare anche dopo la morte sotto quel cielo che chiaman di Dio.

Non poteva mancare neanche in questa canzone lo scorrere del tempo che, nel susseguirsi delle stagioni, si intreccia con la morte immaginata di Francesco, creando così quell’effetto di eternità, coerente dopo tutto con il topos stesso del brano.

Ed in inverno nel lungo riposo, ancora vivo, alla pianta vicino,
come dormendo, starò fiducioso nel mio risveglio in un qualche mattino.

La morte, come intesa nell’immaginario collettivo, scompare. L’animo spiritualista del cantautore si esprime al meglio in queste righe nell’ipotesi di una vita oltre la morte (ancora vivo); ma non una vita trascendente o ultraterrena: anzi, una vita dormiente (nel lungo riposo, come dormendo) e terrena che trae la forza dall’esistenza del forte albero (alla pianta vicino) e che aspetta speranzosa di destarsi (starò fiducioso nel mio risveglio).

Le due righe successive, comunque, rafforzano il misticismo delle precedenti: in primavera, insieme al resto della natura, il lento sonno invernale finisce e la vita ritorna (ancora vivi saremo di nuovo), fusa oramai con la vita dell’albero (le mie dita di rami): l’ “io” e l’ ”albero” del titolo diventano una cosa sola e insieme tendono verso quel cielo così misterioso, emblema della profonda contemplazione del cantautore.

E a primavera, fra mille richiami, ancora vivi saremo di nuovo
e innalzerò le mie dita di rami verso quel cielo così misterioso.

È l’ultima strofa quella che meglio riassume tutta la tensione spiritualista e panteista già raccontata nel resto della canzone.

Ed in estate, se il vento raccoglie l’invito fatto da ogni gemma fiorita,
sventoleremo bandiere di foglie e canteremo canzoni di vita.
E così, assieme, vivremo in eterno qua sulla terra, l’albero e io
sempre svettanti, in estate e in inverno contro quel cielo che dicon di Dio

Francesco è ormai un tutt’uno non solo con l’albero, ma anche con il resto della natura, con cui l’albero stesso comunica (se il vento raccoglie l’invito fatto da ogni gemma fiorita). E nella piena vitalità estiva, dopo il lento e ascendente climax morte-riposo-risveglio-vita e inverno-primavera-estate, l’albero mostra trionfalmente la sua semplice e vitale naturalezza e, con i tratti umani di Francesco, canta, ubriaco di vita (sventoleremo bandiere di foglie e canteremo canzoni di vita). Il brano si conclude meravigliosamente con lo stesso trionfalismo (sempre svettanti) e con la stessa tensione spiritualista (contro quel cielo che chiaman di Dio), tanto combattuta e ambigua in Francesco (così si spiega quel contro), che lo ha sempre portato a quella ricerca di infinitezza ed eternità, che caratterizza tutto il brano e che, almeno tra le note e le parole della canzone, riesce a soddisfare.

P&L
Tom

Testo completo
L’albero e io, live

Logge massoniche co.co.co. – di Emilio Fusari

Posted By fred on luglio 14th, 2010

Sono grandi e piccoli gli affari di cui si occupava la loggetta, fortunatamente senza neanche troppa fortuna. Scomodare il Venerabile sembra un po’ eccessivo per faccende trattate a volte un po’ goffamente ,millantando spesso amicizie che squillavano a vuoto dall’altro capo del telefono o progettando reti che di fatto non hanno catturato troppi pesci. L’intenzione comunque c’è stata,e,se anche questa storia ha un lieto fine, almeno giuridicamente(nel senso dello sventato tentativo di sovversione ai danni dello stato), è da attribuirlo ai gangli vitali del sistema giudiziario di questo paese, a quei giudici che silenziosamente non hanno esitato ad indagare anche in seno al proprio corpo per accertare la verità.

Ci sono nomi noti ed altri meno nella combriccola. Fra tutti spiccano quelli dell’intramontabile Dell’Utri , dell’evergreen Verdini e dell’astro mai pienamente nato Cosentino, i referenti politici del faccendiere Carboni e del geometra tributarista Pasquale Lombardi. Paragonare questa loggetta alla P2 di vecchia memoria ,dicevo,deve aver fatto rizzare i pochi peli rimasti in testa a Licio Gelli,creatore del più grande sistema massonico illegale con un preciso piano di destituzione democratica del paese.

L’idea che ci facciamo leggendo le intercettazioni rimanda piuttosto a personaggi mai pienamente organizzati, a massoni con contratto a tempo determinato che vivono alla giornata:ti do un giudice Carbone favorevole al lodo Alfano per un Cosentino governatore della Campania. Non c’è un piano di rinascita nel fondo di nessun baule a ridare un po’ di dignità a questi affaristi part-time, ne un ordine segreto a cui fare riferimento se non la vecchia iscrizione ormai scaduta alla stessa P2 di Carboni. Non si tenta,come provò a fare Gelli,di creare un oligarchia oscura che manovra l’Italia con il fine di far cadere il sistema democratico e far rinascere un nuovo fascismo, all’insaputa o meno dei fantocci messi al governo. Gli affari e il tornaconto personale di questa cricchetta sono la ragione sociale della stessa, sono il fine e non il mezzo dell’operazione che, nonostante vantasse conoscenze nel fior fiore della magistratura, non è riuscita ad avere un ideale, un fine da perseguire romanticamente. Con questo non si vuol comunque sminuire il potenziale di plagio della banda che resta molto alto, ma semplicemente notare che, scusate il luogo comune,non ci sono più i massoni di una volta,la politica è personalizzata e la massoneria s’adatta , le ideologie sono scomparse dappertutto, massoneria inclusa.

Ha finalmente ha un senso, al netto delle ultime vicende, l’ossessione del Cavaliere per i complotti dei giudici, il suo vedere nei “giudici comunisti” un manipolo di sovversori della sua idea di Democrazia; un’idea d’altronde più datata del personaggio, che scambia il voto elettorale con una licenza a non essere egli stesso soggetto alla legge e agli altri organi istituzionali. Da quel poco che emerge dal pozzo dei segreti italiani dietro tutti i giudici corrotti, a partire da quel Metta che per trenta denari s’è venduto la dignità e la Mondadori, fino ad arrivare a questa rivisitazione personalizzata della P2, c’è sempre il suo artiglio,che lascia incisa la sua idea su giudici e magistratura: tutti si possono comprare,basta sapere quanto vogliono.

Emilio Fusari