splash

Posted By grim on aprile 27th, 2010

La Fionda è il Blog di tutti, e proprio per questo tutti, ma proprio tutti, sono invitati a esprimere le proprie opinioni! Registrati al blog, bastano un nickname e una password, senza nessun dato personale!

Manda il tuo articolo all’indirizzo [email protected]

In alternativa, lascia un commento sul nostro Guestbook, o al termine di un Post!

Un blog senza partecipanti, non ha ragione di esistere, dunque vi invitiamo calorosamente a leggere e a scrivere sulla Fionda!

Il team della Fionda

—–OGNI LUNEDI’ ALLE 14 LA FIONDA TRASMETTE IN DIRETTA L’INTERVENTO DI MARCO TRAVAGLIO PER PASSAPAROLA. VEDI CANALE USTREAM NELLA BARRA LATERALE DEL BLOG—–

——– INVIA SMS GRATIS DALLA FIONDA! TROVI IL BOX D’INVIO IN FONDO ALLA PAGINA SULLA DESTRA ——–

 

Archive for luglio 25th, 2010

Germania: 15 morti alla Love Parade – di Peter Parisius

Posted By fred on luglio 25th, 2010

Shock durante il più grande spettacolo di massa di Duisburg, nella regione tedesca della Ruhr (Nord Reno-Westfalia). La polizia aveva deciso di istituire controlli davanti al tunnel d’ingresso; i giovani che arrivavano dalla stazione e dalle vie confluenti per partecipare alla kermesse (già strapiena) si sono ritrovati schiacciati e hanno iniziato a premere sempre di più; le transenne hanno ceduto e dentro il tunnel è accaduta la tragedia.

Oltre ai (finora) 15 morti, si contano almeno 100 feriti gravi: ragazzi e ragazze calpestati dalla gente in preda dal panico. Molti altri hanno dovuto essere rianimati.
La Love Parade (ca. 1 milione e mezzo di visitatori) è andata avanti per un po’, con i partecipanti che ballavano nell’enorme spiazzo (dove un tempo c’era un’acciaieria) al ritmo di techno music; finché anche tra di loro non si è diffusa la notizia del dramma, assurdo quanto certamente inevitabile.

Originariamente, la Love Parade (un maxi rave nato nel 1989 come manifestazione pacifista, anti-razzista e contro l’omofobia) si teneva a Berlino. I problemi finanziari e le tensioni con le autorità della capitale ne hanno determinato il trasferimento a Duisburg.

Una parte notevole di responsabilità per la tragedia è da imputare alle forze dell’ordine. Ma anche per gli organizzatori si preannunciano gravi sanzioni legali.