splash

Posted By grim on aprile 27th, 2010

La Fionda è il Blog di tutti, e proprio per questo tutti, ma proprio tutti, sono invitati a esprimere le proprie opinioni! Registrati al blog, bastano un nickname e una password, senza nessun dato personale!

Manda il tuo articolo all’indirizzo [email protected]

In alternativa, lascia un commento sul nostro Guestbook, o al termine di un Post!

Un blog senza partecipanti, non ha ragione di esistere, dunque vi invitiamo calorosamente a leggere e a scrivere sulla Fionda!

Il team della Fionda

—–OGNI LUNEDI’ ALLE 14 LA FIONDA TRASMETTE IN DIRETTA L’INTERVENTO DI MARCO TRAVAGLIO PER PASSAPAROLA. VEDI CANALE USTREAM NELLA BARRA LATERALE DEL BLOG—–

——– INVIA SMS GRATIS DALLA FIONDA! TROVI IL BOX D’INVIO IN FONDO ALLA PAGINA SULLA DESTRA ——–

 

Archive for agosto, 2010

Ultim’ora; Hitler, il primo cancelliere multietnico della storia!!

Posted By fred on agosto 26th, 2010

Non è una battuta, e nemmeno una provocazione, ma l’esito delle ultime analisi biologiche effettuate dai belgi Jean-Paul Mulders, storico e Marc Vermeeren, giornalista.

I due, come riferito dal Daily Telegraph, hanno analizzato campioni salivari di ben 39 discendenti del Fuhrerprinzip, riscontrando in tutti il cromosoma Eib1b1, mancante negli occidentali, nella “razza ariana”, e tipico delle popolazioni maghrebine.

Durante lo scorso decennio, inoltre, era già emerso, che il leader nazista fosse nato da padre ebreo.

Insomma, era potenzialmente il bersaglio ideale delle sue leggi razziali.

Lo stesso Mulders ha così commentato le sue scoperte: “Si può dire chiaramente che Hitler era legato alle stesse persone che tanto disprezzava”.

Francesco Woolftail Dal Moro

Inter, Roma, Milan e Juve: la solita storia. E un occhio agli ultimi botti del mercato

Posted By fred on agosto 23rd, 2010

Il week end calcistico appena concluso, a una settimana dal calcio di inizio delle Serie A 2010/2011, non è stato portatore di novità.

La Supercoppa Italiana prima, e il trofeo Berlusconi poi, hanno riconsegnato ai propri tifosi scenari già visti e già vissuti.

Sabato sera Inter e Roma si sono contese a San Siro il primo “titulo” ufficiale della stagione; formazioni invariate rispetto all’anno precedente, l’Inter indossa l’abito delle grandi occasioni, quello della finale di Madrid per intendersi, mentre mister Ranieri ripropone la grintosa lupa dai 24 risultati utili consecutivi, con il francese Mexes al posto di Burdisso, seduto sulla panchina “sbagliata”.

Roma subito in palla, le gambe girano e le idee non mancano; i piedi di Totti di ispirano, ma quelli di Menez e Vucinic non concretizzano. L’Inter, dalla sua, aspetta e cerca la ripartenza, ma la difesa neroazzurra sembra lontana parente dell’epica muraglia vista contro il Chelsea o al Camp Nou, e la Roma colpisce con la puntina di Riise, servito centralmente con un filtrante dal Pupone.

L’Inter ovviamente non ci sta, e il carattere mourinhano della Banda Benitez prende il sopravvento sulla fiacchezza agostina; ma solo un marchiano errore difensivo di Vucinic, che forse faceva meglio a restare davanti come suggerito dal suo allenatore, porta all’uno a uno firmato Pandev.

Il macedone era rimasto in ombra, ma la sua rapacità sullo svarione di Vucinic e la dormita di Juan ha fatto dimenticare tutto.

Primo tempo in parità, più Roma che Inter; Cassetti comincia la stagione meglio della precedente, Maicon alla stessa maniera.

È durante il secondo tempo che l’Inter da i primi assaggi di vero calcio. Difesa alta, possesso palla con scambi rapidi, e la difesa della Roma, forse ancora shoccata dal clamoroso goal regalato, non regge l’urto. Milito è fuori forma, ma i colpi non gli mancano, e si rende pericoloso in più di un’occasione, sbagliando sempre l’ultima giocata. In compenso, el Principe, non ha dimenticato gli ingranaggi dell’attacco interista, e se il compagno di reparto di chiama Eto’o, allora il man of the match della finale di champions può permettersi un ritardo di forma.

Il leone del Cameroon aveva già tirato fuori gli artigli nel primo tempo, proponendosi spesso ai compagni, cercando tiro e inserimenti; ma è proprio durante la seconda frazione che Samuel Eto’o diventa devastante. Non perde l’abitudine di coprire e tornare a dar manforte, spesso lo si vede recuperar palla, saltare uno o due giocatori con grande classe, e rilanciare la squadra in contropiede. Là davanti è tenace e rapace, fraseggia agevolmente con i compagni e si smarca con disinvoltura. Non a caso arriva la doppietta, con un goal con inserimento da vero goleador in anticipo su difensore e portiere, e un gol voluto e cercato, con palla rubata in attacco a Taddei, uno due con Sneijder, e siluro di collo che buca nuovamente Lobont.

La Roma, durante la partita, prova a rispondere prima con un quintale di Adriano, poi col giovane Okaka, di rientro dall’avventura al Fulham; prestazione scialba per entrambi, sopratutto per l’ex Imperatore di Milano, in grave ritardo di forma.

Ottima invece la partita del candidato al Pallone d’oro Wesley Sneijder, i suoi pallonetti filtranti dalla trequarti al binario per l’espresso chiamato Maicon sono stati il leit-motiv delle giocate interiste.

Il secondo tempo, dopo una storica parata di Julio Cesar su tiro deviato, finisce allo stesso modo della finale di Coppa Italia, con la Roma nervosa e l’Inter spazzatutto, che non lascia nemmeno le briciole agli avversari.

Le parole di Montali (ds Roma) a fine gara, centrano appieno il vero gap tra le due squadre: la mentalità; l’Inter, anche in svantaggio, gioca fino alla fine con la consapevolezza di poter vincere e senza la paura di andare sotto in maniera più pesante, la Roma, invece, fatica a gestire il vantaggio, e una volta perso questo vantaggio, subisce il colpo e fatica a reagire.

A Roma ritengono che l’innesto di Burdisso completerà la rosa, mentre a Milano cercano Kuyt per sostituire Balotelli. Quest’ultima un’operazione quantomeno discutibile; Kuyt, se arriverà, otterrà un contratto più alto di quello di Mad Mario, ha 11 anni in più, e sicuramente non ha le doti di Balotelli. Conosce l’abnegazione e lo spirito di sacrificio, virtù ignare al talento bresciano, ma non riporterà quel tocco di genio e follia che gli interisti avevano potuto apprezzare con il suo predecessore. Errore grossolano sarebbe invece cedere alle sirene del Real Madrid per Maicon, che continua a rivelarsi indispensabile per il gioco offensivo dell’Inter; il brasiliano, ha l’età di Eto’o, scusate il gioco di parole, e guadagna la metà, e statene certi, durerà su questi livelli almeno altri cinque anni, grazie alla esemplarità del suo professionismo e alle sue mirabili doti atletiche e muscolari.

Se la partita del sabato, dicevamo, non ha portato grandi novità alla ribalta, quella della Domenica ne ha mostrate ancora di meno.

Juve e Milan, per la ventesima edizione del trofeo Luigi Berlusconi, hanno addormentato la platea con un match statico e soporifero.

I rossoneri, esattamente come nella scorsa stagione, pungono soltanto con Ronaldinho, la Juventus non punge affatto. Dinho è il solito Dinho, e su 90 minuti ne gioca al massimo 35, ma quei 35 sono una vera delizia. Dribbling e cross le sue armi; si fa vedere, riceve, scarta e serve al bacio. Solo un Borriello appesantito dai bagordi estivi ed un Odumadi che non ha azzeccato un controllo (Mister Allegri farebbe meglio a insegnargli lo stop di piede prima di lanciarlo il prima squadra), hanno negato al brasiliano la soddisfazione dell’assist vincente.

Il fantasista bianconero, invece, ha la sua età, per lo meno nel fisico. I piedi di Del Piero, invece, saranno fatati anche tra 30 anni, e anche ieri lo ha dimostrato, con una punizione insidiosa laterale e un assist al bacio per la torsione di Trezeguet. Ma ciò evidentemente non basta alla Juventus, e il povero Trezeguet si ritrova isolato. Con l’ingresso, nel finale, di Diego, il dinamismo e la fantasia dell’attacco bianconero ne guadagnano qualcosina.

Finisce con il più scontato dei risultati, 0 a 0, e poi calci di rigore, vinti dalla Juve grazie a penalty calciato in “stile oratorio” da Thiago Silva.

In ogni caso più positiva, se positiva si può dire, la prestazione del Milan, leggermente più pimpante e condizionato dal grave ritardo di condizione dei vari Pirlo e Seedorf. Il primo vivacchia tutta la partita, fino al cambio, con l’eccezione di un paio di pennellate per il solito Odumadi dai piedi di legno, il secondo è pregevole da fermo, con un tiro al volo di alta scuola, ma nei 10 metri è davvero penoso, con un passo affannato e appesantito: e la pantera divenne bradipo…

Il solito Milan, insomma; l’eventuale acquisto di Ibraihmovic porterà sicuramente più fantasia e concretezza là davanti, e darà alla squadra un riferimento per il gioco alternativo a Ronaldinho.

Se il Milan, al momento, piange, la Juve di certo non ride, anzi dovrebbe piangere ancora di più.

I bianconeri si allenano da inizio luglio, causa preliminare di Europa League; eppure non hanno affatto mostrato una condizione di forma migliore degli avversari. Le idee deficitano gravemente, e il modulo fin qui utilizzato da Del Neri, mia personalissima considerazione, è oramai un modulo troppo statico per un top team. 4-4-2 dalla massima linearità orizzontale, con due interditori e due ali a supporto di punta e seconda punta, soprattutto se le ali schierate sono mediocri giocatori prelevati da squadre di bassa classifica. Non è un caso che la Juve faticasse a macinare gioco in verticale, ma si limitasse a passaggini orizzontali, il compitino, senza mai riuscire a portare su il baricentro della squadra e anzi regalando spesso palla agli avversari in zone pericolose. Chissà che Del Neri non abbia ancora capito che ora non allena più l’Atalanta o la Sampdoria…

In questo contesto, non può che giovare l’ottimo affare, sia per le modalità che per il giocatore, che porterà Aquilani sotto la Mole; il centrocampista offensivo ex Liverpool e Roma porterà senz’altro fantasia e nuovi spunti nel modesto centrocampo juventino; i 15 milioni per Krasic, invece, saranno tutti da valutare in questa stagione, poiché mezza stagione positiva in Russia non fa del biondino, che come dice Moggi “di Nedved ha solo i capelli”, un campione utile per il salto di qualità e colmare l’arcinoto gap con l’Inter. Manca invece l’attaccante da 20 goal, o quella punta versatile capace di far giocare la squadra con più moduli. Se Del Neri non troverà alternative a questo modulo, infatti, non prevedo un piazzamento migliore del quarto posto per la squadra più titolata d’Italia.

Insomma, per tutte e quattro le nostre big, la solita storia già sentita.

Woolftail

BERLUSCONEIDE, falsa testimonianza sulla P2, capitolo V

Posted By fred on agosto 20th, 2010

BERLUSCONEIDE, libro delle Amnistie, capitolo V

La nostra Berlusconeide torna indietro di qualche anno, e ci conduce al 1987, anno in cui Silvio Berlusconi, l’imprenditore dai mezzi illimitati, querelò alcuni giornalisti della rivista Epoca, ironia del destino, il gioiellino di casa Mondadori, non ancora nelle sue grinfie.

Le penne del periodico ispirato alla celebre rivista yankee “Life”, assaggiarono le aule dei tribunali per aver scritto che Berlusconi aderì alla P2 nel 1978, corrispondendo anche una quota d’iscrizione.

Ma Berlusconi aveva sempre inquadrato la sua appartenenza alla P2 sotto una luce ilare e scherzosa, riprendendo la vicenda come quasi dettata dal caso e dall’inconsapevolezza della reale essenza dei fatti; non potè dunque accettare che questa nuova versione fosse pubblicamente accettata e creduta, in caso contrario l’etichetta di massone gli avrebbe marchiato a fuoco la fama, la carriera e soprattutto i suoi lungimiranti piani.

Orbene, nel 1988 dichiarò presso il Tribunale di Verona, sotto giuramento: “Non ricordo la data esatta della mia iscrizione alla P2, ricordo comunque che è di poco anteriore allo scandalo … Non ho mai pagato una quota di iscrizione, né mai mi è stata richiesta”.

Ma i fatti dimostrarono il contrario, e i giornalisti, tutti assolti, passarono alla controffensiva e querelarono il querelante per falsa testimonianza.

La pretura di Verona, il 22 Luglio 1989 -curiosamente giorno in cui Andreotti subentra a De Mita nella Presidenza del Consiglio- dichiarò nell’istruttoria che il fatto non costitutiva reato.

Sentenza bizzarra, quantomeno ex art. 372 del codice penale, che recita: “Chiunque, deponendo come testimone innanzi all’Autorità Giudiziaria, afferma il falso o nega il vero, ovvero tace, in tutto o in parte ciò che sa intorno ai fatti sui quali è interrogato, è punito con la reclusione da due a sei anni”.

Ma i giornalisti non mollarono la presa, e presentarono ricorso presso la Corte d’Appello di Venezia.

I colpi di scena, tuttavia, sono da aspettarsi sempre durante i processi a carico di Berlusconi, ed ecco che la maggioranza del pentapartito, guidata da Giulio Andreotti, varò un’amnistia “in corsa” che estinse non già il reato, ma soltanto la pena, per falsa testimonianza.

L’imputato commentò così la piacevole sorpresa: “Spero che la prossima amnistia, che si annuncia non rinunciabile, non mi tolga il piacere di vedere confermata la sentenza di proscioglimento”

L’anno successivo, la Corte d’Appello di Venezia, gli negò il piacere desiderato e dichiarò lui colpevole del reato, e il reato estinto per intervenuta amnistia. Riportiamo alcuni passi della sentenza definitiva: “ … Ne consegue quindi che il Berlusconi, il quale, deponendo davanti al Tribunale di Verona nella sua qualità di teste-parte offesa, ha dichiarato il falso su questioni pertinenti alla causa ed in relazione all’oggetto della prova, ha reso affermazioni non estranee all’accertamento giudiziale e idonee in astratto ad alterare il convincimento del Tribunale stesso … Il reato attribuito all’imputato va dichiarato estinto per intervenuta amnistia”

Analogamente alla vicenda dei terreni di Macherio -IV capitolo della Berlusconeide- solo grazie a condoni e amnistie il futuro satrapo ha conservato la fedina penale vergine come Noemi Letizia lo scorso anno: solo a parole.

Francesco Woolftail Dal Moro

Manovre sotto l’ombrellone – di Emilio Fusari

Posted By fred on agosto 13th, 2010

I patti col diavolo puzzano di zolfo e lasciano scottature indelebili. Dovrebbe saperlo Massimo Donadi, capogruppo dell’Idv alla camera, quando venderebbe l’anima a Casini e Fini pur di mandare a casa Berlusconi. Assistiamo ad inconsuete manovre estive, da qualche settimana la maggioranza di governo traballa vistosamente a colpi di proprietà rinfacciate e anonimi parlamentari che, approfittando del momento, fanno gli occhi dolci un po’ qua ed un po’ la, ancora increduli di essere loro l’ago della bilancia di un governo fino ad un momento fa invincibile, e decisi a vendersi nel migliore dei modi.

Sembra una vita che il Cavaliere con una sonora pedata ha cacciato Fini ed i suoi dal Pdl, tante sono le cose  successe,eppure non sono ancora quindici giorni. Come era facile immaginare i “quattro gatti” non erano così soli ed hanno cominciato a miagolare un po’ su tutti i piani dando decisamente fastidio al signore di Arcore.Cominciamo con ordine.

L’artiglio lungo del Cavaliere si sa, arriva anche dove il talento politico difetta, e così,non riuscendo nelle sedi istituzionali ad ottenere la testa di Fini, da una settimana lo fa manganellare dai  suoi giornali di famiglia a colpi di un presunto scandalo immobiliare,ovvero una casa a Montecarlo intestata ad Alleanza Nazionale ed ora finita nella disponibilità del cognato di Fini. Il presidente della camera, seppur parzialmente, ha spiegato la vicenda e per il resto si dice sicuro che la magistratura chiarirà tutto. Da notare la distanza siderale di chi urla al complotto dei giudici comunisti e di chi accetta serenamente il giudizio che la magistratura riterrà opportuno dare. Nel frattempo i manganellati, che nell’ attitudine e nella loro ragione sociale hanno il manganello ma non certamente nel senso del prenderlo, hanno reagito all’offensiva con una palla avvelenata di identica specie ma con proporzioni decisamente maggiori: il contratto di vendita di villa S. Martino ad Arcore di cui Berlusconi è proprietario. Non c’è partita: la professionalità degli ex-picchiatori  missini nonché l’ennesimo scheletro nell’armadio del Cavaliere lo hanno costretto alla resa facendogli dichiarare che “sarà possibile ritrovare l’unità se vi sarà lo spirito costruttivo“. Deposte le armi per la tregua ferragostana  fra Berlusconi e Fini quindi.

Nel campo avversario si fanno le prove generali per le elezioni. Parola d’ordine: modificare la legge elettorale con un governo tecnico e poi procedere al voto non si sa con quale leader, alleati e programma. Per non parlare della stessa legge elettorale cui tutto  ciò  è propedeutico. Insomma, l’armata Brancaleone si è rimessa in moto, ma risulta davvero difficile immaginare un governo tecnico, guidato magari da Pisanu, che abbia al suo interno Pd, Idv, Udc, Fli, Vendola Ferrero, Diliberto, Rutelli e i Verdi discutere qualcosa. Provare per credere: sarebbe divertente, una volta riuniti, buttare in mezzo al branco l’osso del porcellum ed osservare come si sbranano a vicenda a colpi di sistema francese, tedesco o misto. Chi scrive crede che la riforma elettorale sia giustamente la questione prioritaria di cui occuparsi, dato che è all’origine dello sbilanciamento dei poteri con l’annullamento della funzione parlamentare (prima ancora della legge bavaglio che i giornali,anche vedendo i propri interessi,dipingevano come l’arma fine di mondo dell’artiglio berlusconiano dimenticando che la bomba era già esplosa), crede meno che possano essere gli stessi soggetti che, per loro volere o per inerzia, hanno fatto si che questo sistema sia vigente oggi in Italia a cambiarla. E poi, anche ipotizzando che ci si riesca,come si può credere che cambiando la legge elettorale si elimini Berlusconi e vent’anni di dominio incontrastato sul piano politico economico e soprattutto culturale? Davvero a nessuno viene in mente che lo sradicamento dalle coscienze di questo frutto mediatico avvelenato non se ne va dall’oggi al domani con un colpo di spazzola ed una legge,seppur giusta che sia? Ritornare ad una forma di partito più tradizionale, radicato nel territorio e che ascolta la gente (la lega in questo caso insegna), avere un programma non troppo ambizioso ma che sia di vitale importanza la sua attuazione, questa si sarebbe la rivoluzione più innovativa per partire dai cocci berlusconiani e creare una classe dirigente almeno un poco più credibile. Abbiamo passato vent’anni a guardare la luna ed avere anche l’illusione di averla, non credo sia sbagliato ora assicurarci di possedere almeno quel dito che la indica.

Emilio Fusari

I fuochi selvaggi di Mosca

Posted By fred on agosto 8th, 2010


Foto: Mikhail Voskresensky / Reuters


“Questa non è la Mosca che amo” sbotta la ragazza che ho conosciuto nei pressi del Vecchio Arbat. Sia io che lei portiamo una mascherina che serve a proteggere le vie respiratorie. I nostri occhi sono arrossati. L’aria è piena di fumo. Smoke. Smoke and smog. Il cielo che sovrasta la Russia Centrale è un misto di grigio e arancione.
Offro una bevanda alla bellezza moscovita. Mi ha raccontato che lavora come parrucchiera e che deve affrettarsi: è già tremendamente in ritardo… Riesco a scollarle lo sguardo di dosso e occhieggio oltre la finestra.
La capitale soffoca nella nebbia acida. Le celebri silhouette della torre televisiva Ostankino e della cattedrale di San Basilio si distinguono a malapena. Molti passanti si affrettano tenendo un fazzoletto premuto sulla faccia.


Foto: AFP / GETTY

Mi metto a pensare alla neve nera che lo scorso gennaio è caduta su Riga, la capitale lettone. Rifletto sui 172 milioni di galloni – ovvero 4 milioni di barili – di petrolio grezzo che fin da aprile sgorgano nel Golfo del Messico (la BP dice di aver tappato la falla, ma chi si fida ormai?). E penso all’enorme montagna di ghiaccio che stamattina si è staccata da una banchisa presuntemente eterna della Groenlandia. Tutti sanno che molte cose devono mutare se vogliamo ancora salvare il mondo, ma intanto ci tocca sopravvivere e per le faccende serie non c’è più tempo.


Foto: Alexey Sazonov / AFP / Getty Images


“Ciao” si congeda la ragazza dopo aver scolato il suo kvas alla menta; e scompare nello smog.
Rimango solo qui, al Durdin’s, nella Bolshaya Polyanka, con la mia strana espressione e con l’unico oggetto che ancora possiedo: un libro. Il titolo del libro è: The Ultimate 2012 Family Survival Manual, di un certo
Colonello Mike Kerrigan.  (“E Potete Averlo Gratis se Ordinate il Countown Ufficiale del 2012! Approfittatene Prima dell’Ora Fatale!…“)


[Per maggiori informazioni circa l'ominoso 2012 e il "negative consciousness loop" che l'umanità avrebbe contratto, cliccate sulla homepage della
University Of Metaphysical Sciences: il divertimento è garantito. Soldi indietro se insoddisfatti!]


Immagine tratta dal sito Condé Nast Traveller

Ecco quello che il corrispondente da Mosca del Guardian, Tom Parfitt, scrive a proposito degli incendi nel cuore della Russia:

The death toll from hundreds of wildfires across Russia rose to 52 today as more than 3,000 people are left homeless.

Whole settlements have been engulfed by the flames, caused by an unprecedented heatwave in which temperatures have reached 42C in central and western parts of the country.

State media showed footage of burning cottages, and groups of residents passing buckets of water from hand to hand. Several villages in the Nizhny Novgorod, Voronezh and Ryazan regions were reduced to drifts of ash. One man showed the melted engine of his car.

The president, Dmitry Medvedev, declared a state of emergency in seven regions as firefighters struggled to contain about 600 blazes covering an estimated 309,000 acres (125,000 hectares). Strong winds added to the difficulty.

A large number of children and elderly people were among those affected, said Medvedev. “Many families have been left with nothing. The fire destroyed everything. It is an enormous tragedy.” He promised compensation to the victims and said homes would be rebuilt by the winter.

(…)

Careless hunters or people lighting barbecues in the countryside were thought to be responsible for starting some of the fires. Others took hold when peat bogs dried for agricultural use self-ignited, burning underground.

Moscow was veiled in acrid smoke from such fires this morning as landmarks disappeared from view and commuters clutched handkerchiefs to their faces. A new temperature record of 38C was set in the capital last Thursday and meteorologists expect it will be surpassed this week as the heatwave continues.

More than 2,000 people have died since the beginning of July as they tried to cool down by swimming in rivers and lakes. Authorities said many of the dead had been drinking.

Di Peter Parisius

Una quinta, per la donna che non deve chiedere mai

Posted By fred on agosto 5th, 2010

Donne in carriera. Belle, magre, sode, maggiorate, siliconate. In televisione, in politica, l’immagine veicolata della donna che ha successo è questa. Dalle sorridenti veline in prima serata, alle protagoniste dei reality show, alle ministre nelle aule del Parlamento.

Corpi che parlano e sembrano dire: “Vuoi avere successo? Soldi? Fama? Sii come me!”.

Immagini che sembrano veicolare la vecchia dicotomia uomo-cervello-razionalità versus donna-corpo-emotività, per cui una donna, per raggiungere la parità dei diritti con l’uomo dovrebbe liberarsi della zavorra emotiva dimostrando di saper “controllare” e “costringere” il proprio corpo secondo canoni al limite della sopravvivenza. Come se una donna dovesse in questa maniera dimostrare di meritare quei diritti che all’uomo sono concessi per nascita.

Dopodichè ci meravigliamo se ci troviamo di fronte a risultati come quelli del recente studio condotto da due psicologi della Villanova University (condotto su un campione di 200 persone, con un’età media di 20 anni) pubblicato sulla rivista “Body Image”, secondo cui gli appassionati di reality show sono tra le persone più propense a finire sotto il magico bisturi. Tra questi la maggioranza sono per l’appunto ragazze che decidono di farsi il cosiddetto “ritocchino” (come se il nostro corpo fosse una motocicletta da elaborare) incoscienti (perché non sono certo queste conseguenze quelle che vengono mostrate) del fatto che anche un intervento comune e relativamente semplice come una maggiorazione del seno, lascia cicatrici di ben sette centimetri, e che dopo 15 anni è obbligatorio un intervento di ricambio delle protesi. Nello studio nello specifico vengono analizzati quei reality show con tema proprio la chirurgia estetica, ma più in generale, ciò che è preoccupante è che l’idea di fondo sia che per essere felici bisogna diventare il più possibile simili a questi corpi virtuali e finti. E’ difficile raggiungere questa “perfezione” che 8 volte su 10 è creata da sapienti fotoritocchi/abili angolature video/miracoloso make-up, e non c’è da stupirsi se la frustrazione nel non riuscire ad arrivare a tali risultati si riversi nella chirurgia estetica o in disturbi del comportamento alimentare quali anoressia o bulimia.

E’ difficile uscire da questi schemi quando si viene bombardati da ogni dove (pubblicità, film, telegiornali eccetera) da queste immagini e dai sottotesti che veicolano; ed è quasi impossibile per dei bambini cresciuti sotto questa valanga mediatica capire che la bellezza non è quella finta delle modelle siliconate o dei muscolosi macho-men.

E’ inutile mettere il limite alla maggiore età per gli interventi di chirurgia estetica se poi ogni mezz’ora in televisione passano pubblicità in cui una modella mezza nuda esce dall’acqua e si mette sulla sabbia in una posa provocante senza che tutto ciò abbia nulla a che vedere col prodotto sponsorizzato; è inquietante pensare a quelle bambine che cresceranno con questi modelli e non avranno quasi altra alternativa che rispecchiarvisi, creando così una spirale infinita che si autoalimenta, e in cui l’immagine della donna verrà ricondotta sempre più a quella dell’oggetto di una sempre maggiore attività voyeuristica dell’uomo.

Federica Berra

Ultim’ora; Formigoni privatizza totalmente l’acqua in Lombardia

Posted By fred on agosto 4th, 2010

Una clamorosa indiscrezione trapela dal blog di Beppe Grillo.

Il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, farà deliberare domani 5 Agosto, con i cittadini al mare, la totale privatizzazione dell’acqua pubblica.

Il tutto nonostante il milione e quattrocentomila firme raccolte per il prossimo referendum contro questa scellerata privatizzazione.

Il tutto nonostante l’Onu, il 28 Luglio c.a., abbia dichiarato  l’acqua un diritto umano.

Il tutto nonostante Formigoni sia illegittimamente il governatore della Regione Lombardia.

Illegittimamente in quanto sostenuto da liste sospette, graziate dal Tar lombardo a seguito delle pressioni e delle influenze della loggetta di governo, nello specifico attraverso la persona di Arcangelo Martino, recentemente arrestato; ma anche perchè una legge dello stato, la 165/2004, art. 2, vieta l’immediata rieleggibilità di chi abbia appena concluso due mandati consecutivi, e Formigoni è già al quarto.

Sebbene questa combriccola sia ormai giunta ai titoli di coda, continua a calpestare le Istituzioni, ad agire in barba alle regole, e a vìolare i diritti dei cittadini.

Ecco il link originale del blog di Beppe Grillo

Francesco Woolftail Dal Moro

C’eravamo tanto amati…

Posted By fred on agosto 3rd, 2010

Tutto ebbe inizio nel lontano autunno del 1993.

Il segretario del MSI, Gianfranco Fini, sfidava Rutelli per le comunali di Roma, in un clima di transizione politica nazionale; fu allora che Silvio Berlusconi, non ancora “sceso in campo” ma già predestinato destinatario del nuovo scenario politico italiano, lanciò il primo messaggio di intesa al suo futuro alleato principale.

“Se votassi a Roma la mia preferenza andrebbe a Fini” Silvio dixit.

Fini, in quell’occasione, condusse il suo Movimento Sociale fino al ballottaggio, un risultato storico a Roma, dove fino ad allora il partito delle nostalgie era rimasto ai margini delle dinamiche amministrative.

Il tanto chiacchierato imprenditore milanese, rimase folgorato dal polso e dalla dialettica del segretario dell Msi, capace di mantenere il rigore nel partito e di raccogliere consensi tra la gente; fondata Forza Italia, tralasciando come, si presentò immediatamente alle elezioni del 1994, le prime dopo il governo tecnico guidato da Ciampi che condusse la Repubblica nella seconda fase della sua storia.

E l’amore sbocciò. Berlusconi e Fini, Forza Italia e il Movimento Sociale Italiano, alleati per nuove frontiere politche.

Ma non erano i soli: un terzo incomodo s’accomodò nelle stanze della Casa delle Libertà, quel terzo incomodo che, 17 anni dopo, sarà causa di separazione e divorzio.

Parliamo ovviamente della folkloristica e secessionista Lega Nord di Umberto Bossi.

Marito, moglie, ed amante vinsero le elezioni, e nell’impasto del governo il partito “portatore sano” di ideologie proibite costituzionalmente ottenne poltrone ministeriali, quattro più la vice-Presidenza del Consiglio, per la prima volta nella storia; la prima volta nella storia Repubblicana, per lo meno.

Ma il secessionismo leghista e il nazionalismo del MSI non sarebbero potute convivere a lungo: la moglie e l’amante non potevano condividere più lo stesso letto, non certo con il primo Berlusconi, ancora non in grado di unire il nero con il bianco per formare un unico grigio politico, marito incapace di soddisfare entrambe le donne.

Il governo cadde, dopo appena sei mesi dal suo insediamento, e Bossi, Fini e Berlusconi dovettero far posto all’ennesimo governo tecnico, guidato da Dini.

Il Senatùr definì “mafioso” l’uno, e “fascista” l’altro. Si chiamò ufficialmente fuori dai loro loschi giochi di potere, e annunciò di non volerci avere niente a che fare “mai più” (ipse dixit).

Berlusconi, in tutta risposta, disse che sarebbe stato un “coglione” (ipse dixit) se in futuro avesse riallacciato i rapporti con i leghisti.

Invece, il Gianfranco, oramai, nazionale sentì l’esigenza di lavare via dal suo partito l’oscura macchia del fascismo, e nel celebre Congresso di Fiuggi, avvenuto nel Gennaio 1995, prese ufficialmente le distanze dalle ideologie che già una volta avevano annientato l’Italia.

Il Movimento Sociale Italiano fu rinominato Alleanza Nazionale, e camerati di partito quali Ignazio Benito Maria La Russa e Giovanni Alemanno furono ridipinti come semplici politici di destra.

Altri camerati, scontenti per la svolta verso le Istituzioni, si distaccarono da Fini e fondarono il MS Fiamma Tricolore.

Le carriere parlamentari di Fini e Berlusconi erano ben avviate e nel 1996, anno di nuove elezioni, la rinnovata alleanza tra i due, il rinnovato sposalizio, era cosa oramai scontata.

Nella Casa delle Libertà vi entrò questa volta Pier Ferdinando Casini, la nuova amante alla ricerca delle grazie del Sultano, con il partito Cristiani Democratici Uniti del “filosofo” (le virgolette sono d’obbligo) Rocco Buttiglione.

Marito, moglie, e nuova amante furono stavolta sconfitti dal Centro Sinistra, e si ritrovarono relegati all’opposizione per cinque anni.

La convivenza fu molto più pacifica rispetto alla precedente -del resto l’unione contro i “comunisti” pare far la forza- e nel 2001 il trio si ripresentò compatto per le prime elezioni del nuovo millennio.

Ma ecco il colpo di scena: il marito, eterno insoddisfatto, non s’accontentava di moglie e amante, no, lui volle riprendersi con sé anche la ex.

Oltre a essersi dato del coglione da solo, Berlusconi richiamò dunque nella grande Casa delle Libertà e dell’Amore i leghisti, i quali si accomodarono sul divano con tanto di piedi sul tavolino ancor prima di sentirsi dire “Benvenuti”.

Il Bigotto, il Secessionista, il Mafioso e il Fascista; non è il titolo di un Western, ma la composizione della XIV legislatura della Repubblica Italiana.

Il quartetto vinse le elezioni e si ritrovò al governo con una larga maggioranza.

Fini ottenne la Vice Presidenza del consiglio -la moglie che fa le veci del marito- e la legislatura scorse serenamente; i conti pubblici italiani venivano devastati, l’Unione Europea mandava continui moniti e minacce di espulsione a pena di una mancata inversione di rotta, Berlusconi violentava le Istituzioni ingombrando il Parlamento di leggi ad personam volte a depenalizzare i suoi reati, vedi falso in bilancio, o a garantire l’impunità per reati che non poteva depenalizzare, vedi lodo Schifani, o a legittimare una volta per tutte il suo conflitto di interessi, vedi leggi Gasparri -e la lista si fa lunga-, proibizionismo e repressione dilagavano, il tutto con l’impassibile benestare, se non con la partecipazione diretta, del Vice Presidente del Consiglio.

Fini e Bossi, storicamente acerrimi nemici e rivali per le grazie del caudillo, trovarono anche diversi punti di incontro, tra cui la famigerata legge 189 del 30 Luglio 2002, al secolo la legge “Bossi-Fini” che, tra le varie, prevede l’espulsione immediata degli immigrati rimasti senza regolare lavoro da sei mesi, in quanto non portatori, sebbene momentaneamente, di entrate fiscali per l’erario pubblico.

Un feroce governo senza opposizioni interne: tutti i remanti sincronizzati verso lo stesso orizzonte; marito, moglie e amanti uniti nell’orgia di potere.

Alla resa dei conti, nel 2006, anno di scadenza della legislatura, gli assi politici della destra erano ancora stabili, ma le nefandezze compiute dal quartetto di governo portarono al crollo della fiducia negli elettori.

I sondaggi li davano per spacciati, le incalzanti elezioni sembravano una formalità; ma il colpo di coda di Caimano non si è fatto attendere. Alla vigilia del Natale 2005, pochi mesi prima della tornata elettorale, Berlusconi si appropria indebitamente di un’intercettazione secretata (è il più grande abuso fatto di un’intercettazione, proprio quel genere di abusi che il ddl voleva impedire) che vede protagonista un Fassino entusiasta per essere riuscito a mettere le mani nelle Banca del Lavoro.

Il Giornale, l’organo di regime per antonomasia, pubblicò agli inizi di Gennaio l’intercettazione, e i Ds persero tutta la fiducia accumulata nei 5 anni di non governo.

Così, la Casa delle Libertà al gran completo, sfiorò la rimonta, e perse di pochissimi punti percentuali che sancirono l’insediamento del governo Prodi.

Fini e Silvio si ritrovarono così di nuovo all’opposizione, sulle poltrone più scomode del Parlamento, sempre accompagnati dai Centristi e dai Leghisti.

Ed è proprio in quei due anni di opposizione che emersero le prime frizioni tra i “coniugi”; Fini dissentì dai suoi alleati su temi delicati quali la fecondazione assistita e le coppie di fatto, mostrando più segnali di apertura in netta controtendenza rispetto alle direttive cattolico-conservatrici della Casa e del suo stesso partito.

Nel frattempo, Casini iniziava ad organizzarsi in proprio, distanziandosi gradualmente dalla coalizione.

Con la caduta dell’ingovernabile maggioranza prodiana, si iniziarono a preparare nuove elezioni, e l’astuto Fini, rimangiandosi le sue prime timide prese di posizione manifestate negli anni di opposizione, approfittò del congedo di Casini e fuse il suo partito con Forza Italia, fondando l’ormai arcinoto Popolo delle Libertà: la moglie credeva di incastrare così il marito con la comunione dei beni.

Alle elezioni del 2008 la coalizione era composta da Pdl e Lega Nord, e l’elettorato li premiò abbondantemente.

Fini era convinto di aver finalmente conquistato un potere di governo superiore a quello dei semplici alleati, e, ottenuta la Presidenza della Camera, si è reso conto di aver fatto male i calcoli: il crescente consenso della Lega Nord tiene sotto scacco l’intero Pdl, e innalza i “lùmbard” ad ago della bilancia.

Bossi è diventato il principale interlocutore per il Presidente del Consiglio, mentre Fini si è ritrovato in disparte ad occuparsi di un ruolo più istituzionale che politico.

Così, mentre la Lega avanza pretese di ogni sorta sul governo e viene interpellata dallo stesso per ogni decisione, il povero Gianfranco disilluso si è ritrovato a calendarizzare le discussioni dell’Aula.

Dal 2008 ad oggi Berlusconi e Fini hanno condotto la loro alleanza da separati in casa, con il Presidente della Camera nelle vesti di primo oppositore del governo; ha contestato la legittimità costituzionale del pacchetto sicurezza in tema di immigrazione, nonché le feroci propagande della paura e della sicurezza dell’asse La Russa – Maroni – Bossi; ha espresso pubblico dissenso per le modalità poco istituzionali con cui il governo tende a legiferare, quale l’abuso della questione di fiducia (siamo a 36 in 2 anni, contro la media europea di 1-2 all’anno); ha contestato la continua ricerca dell’impunità nella fila del Pdl, in particolare al suo leader; ha contribuito ai più notevoli emendamenti al ddl intercettazioni, provocandone lo slittamento dell’esamina a settembre; il 22 Aprile di quest’anno, alla direzione nazionale del Pdl, è arrivato allo scontro frontale con Berlusconi; i suoi uomini più fidati sono in continuo battibecco con gli uomini del presidente; insomma, quando ha potuto, ha sempre messo i bastoni fra le ruote a Berlusconi, richiamandosi alla legalità e al rispetto delle Istituzioni.

L’incipt alla svolta istituzionale di Fini non è partito certo dalla passione per le regole e la legalità, non capiremmo altrimenti dove fosse questa civica passione quando il premier “stuprava” la legalità dal 2001 al 2006, ma dall’invidia della moglie messa in disparte a favore della più focosa concubina verde.

Ora che la stabilità politica della banda berlusconiana vacilla, i topi hanno il coraggio di abbandonare la nave e si consuma lo scontro finale.

Fini ha ottenuto ufficialmente il divorzio pochi giorni fa, e con la separazione dei beni ha recuperato per il suo gruppo parlamentare indipendente, Futuro e Libertà per l’Italia, 33 parlamentari, numero sufficiente a tenere in pugno la maggioranza, esattamente come la concubina focosa di cui sopra.

Quello che accadrà nei prossimi mesi non è dato saperlo con esattezza, ma quel che è certo, è che la parola fine è stata posta definitivamente sull’idillio politico più celebre delle seconda Repubblica.

Opportunismo, invidia o rinnovazione personale, qualunque sia la causa scatenante, rivolgo ai lettori un invito alla diffidenza da chi ha sostenuto un regime, ed è stato complice principale di un altro.

Francesco Woolftail Dal Moro

Per rivedere gli strappi dei mesi scorsi raccontati dalla fionda clicca qui

Navigatori a vista

Posted By fred on agosto 2nd, 2010

Il redde rationem è arrivato giovedì scorso,quando Silvio Berlusconi, con un documento politico di inaudito spirito antidemocratico, ha di fatto defenestrato il suo cofondatore dal partito, ed ora le carte sono di nuovo in attesa di essere ridistribuite. Con un problema non da poco: la scelta del mazziere. Dopo mesi di continuo logorio interno al partito,messa in sicurezza la manovra economica, il Cavaliere è tornato a rivestire il suo ruolo migliore,quello del padrone, e con risultati da far impallidire il vecchio Pci della scomunica alla Rossanda e soci del Manifesto. Come ricorda su “la Repubblica” Valentino Parlato, ex direttore del quotidiano comunista e scomunicato,ci fu una differenza abissale nel metodo di espulsione dal partito a loro riservata e il trattamento inflitto ai finiani.Nel Pci furono convocati due comitati centrali e si discusse lungamente all’interno di tutto il partito la fuoriuscita dei “ribelli”.Ci fu quella che si può propriamente definire una consultazione interna a 360°, che investì tutti gli organi del partito per la rilevanza che avevano e, per giusta o sbagliata che sia stata, è indubbio il valore democratico di tale scelta. Tutt’altra musica invece nel Pdl, dove,come è solito fare il suo padrone,ha sputato dalle segrete di Palazzo Grazioli un documento di sei pagine in cui era condensato tutto il suo odio per il dissenso e, se vogliamo, la conferma regina della sua visione autoritaria del partito e delle istituzioni.”Le posizioni di Fini -si legge nel documento- si sono manifestate sempre di più come uno stillicidio di distinguo o contrarietà nei confronti del programma di governo”.Sembra una confessione, viene da domandarsi se al di là di quello ufficiale ce ne fosse uno segreto di programma in cui,invece della ormai mitologica equazione del benessere,che voleva meno tasse per più consumi e conseguenti più entrate per lo stato,avesse nel suo punto principale l’impunità assoluta per i propri rappresentanti e la sottomissione senza diritto di replica al suo leader. E’tardi ormai per suonarne la marcia funebre, tanto più che prima di tutti,a partito ancora in fasce, fu lo stesso Fini a recitarne la disfatta. E’ nato male e finito peggio questo Pdl che dalle ceneri di Forza Italia e Alleanza Nazionale, uniti nella benedizione delle comiche finali,fu annunciato in pompa magna dal predellino della sua auto da Berlusconi in una trepidante Piazza S.Babila a Milano due anni e otto mesi or sono.

Si naviga a vista quindi, in queste giornate convulse di ricollocazione politica. Certo di non avere più la maggioranza in parlamento per quei provvedimenti che non sono contenuti nel programma ufficiale ma che sono in cima ai suoi interessi- si parla ovviamente del lodo che gli dovrebbe consentire l’impunità per via costituzionale- Berlusconi è seriamente intenzionato a sparigliare il tavolo pur di salvare la pelle. Come al solito, quando è messo alle strette, riesce con l’improvvisazione, una delle sue doti migliori, a ribaltare le situazioni in suo favore, e, c’è da scommettere, che da qui a settembre ogni occasione sarà buona per stanare, su proposte parlamentari, il gruppo dei finiani ed andare nuovamente ad elezioni. Certo che l’opposizione perderà anche quel treno e sperando che Napolitano non si metta di nuovo di traverso con governi tecnici di pubblica salute. Opzione questa da scongiurare come la peste,tanto che i suoi cannoni mediatici già sparano le palle della delegittimazione democratica del popolo e il giornale di famiglia,avallato ufficialmente dall’on. Stracquadanio, scava nell’albero genealogico del presidente della camera in cerca di nuovi casi Boffo.

La lunga estate calda della politica sembra non volersi fermare neanche in agosto, e sono lontani i tempi delle scorribande sarde del premier. La stella polare,come da sempre in Italia, è quella ereditata da Andreotti e dalla Dc di qualche repubblica fa, quel tirare a campare oltre ogni logica,quell’arte della sopravvivenza personale, e che vada a rotoli tutto purché ci si salvi. Come sempre, tutto cambi perché nulla cambi.

Emilio Fusari